A MURATA L’ALBERGONE EXTRA LUSSO NON SI FARÀ!

(Con buona pace e gran sollievo per un bel po’ di querce)

Sabato 5 Ottobre si è tenuta a Murata, presso la sala riunioni dello Stand dell’ex Tiro a Volo, un’assemblea pubblica incentrata sulla prossima demolizione dello Stand stesso per lasciare posto all’ormai mitico mega-albergo di origine orientale. Mitico nel senso di una “Araba Fenice” che ci sia ciascun lo dice dove sia nessun lo sa. Infatti dietro alla ”Convenzione” stipulata sulla testa dei cittadini tra uno de gli ultimi Governi di San Marino ed i fantomatici ed orientaleggianti albergatori del la GHM di Singapore, si cela evidentemente un interesse diverso da quel lo di costruire un albergo di lusso di una “probabile alta spesa e poca resa”.

Infatti la “Convenzione” parla dell’albergo ma anche del la licenza per i “giochi” come il Bingo, le sale scommes se e via dicendo; la licenza viene data in concessione assoluta ed esclusiva a detta società e naturalmente dopo pochi giorni dal la firma dell’accordo sono subito cominciati i lavori per aprire il Bingo ed altri giochi,ma nulla si è più saputo dell’albergone. A questo punto, essendo decaduti tutti i termini previsti dalla convenzione per l’inizio dei lavori, ci preparavamo, non solo noi della Micologica, a dare battaglia “con il coltello tra i den ti” per contestare la costruzione dell’ennesimo scatolone sul territorio in generale e nella macchia di Murata in particolare.

Potrete quindi capire il nostro piacevole e soddisfatto stupore quan do, da van ti ad un’assemblea pie na di gio va ni del la Co o pe rati va “il Qua dri fo glio”, che vo le va no co no sce re il loro fu tu ro basato sull’abbattimento del la loro sede (lo Stand di Mu ra ta) ed una fol ta de le ga zio ne di Go ver no, era no pre sen ti in fat ti i Se gre ta ri di Sta to Fa u sta Mor gan ti, Pa ri de Andre o li, Fa bio Be rar di e Augu sto Ca sa li, ci vie ne co mu ni ca ta, con mol ta tran quil li tà e serenità, l’intenzione del Go verno di la sciar de cadere la

fa mi ge ra ta Con ven zio ne ed im pe di re così di fat to la co stru zione di qual sia si nu o va strut tu ra all’interno dell’area del vec chioCam ping del la Mu ra ta.

Appre sa la “Bu o na No vel la” ci sia mo un po’ tut ti ri pre si dal lo shock ini zia le (non ci ca pi ta spes so di vin ce re una bat ta glia sen za col po fe ri re) ed il di bat ti to che ne è se gui to è di ven ta to  un in te res san te con fron to su va rie te ma ti che, non ul ti ma la spino sa que stio ne del Ca sinò. Ci au gu ria mo che que sta non sia solo una pia pre sa di po si zio ne, ma una vera e pro pria de ci sio ne tec ni ca che non la sci trac ce di am bi gui tà per il fu tu ro. La no stra pa u ra è che cer te de ci sio ni, che ven go no re go lar men te pre se den tro la stan za dei bot to ni, sen za mi ni ma men te in ter pel la re la po po la zio ne, la quale poi si  e drà co stret ta a su bi re di ret ta men te le con se guen ze di ac cordi, che nul la han no a che ve de re con il bene del pa e se, ven ga no poi ri pre se da al tri go ver nan ti in ca pa ci, che con que sti “chia ri di luna” si af fac cia no con al le gra fre quen za sul no stro pa no rama po li ti co e so prat tut to di po te re.  

Un pri mo sas so di con ci lia zio ne, con un buon modo di fare poli ti ca in ar mo nia con l’ambiente, è sta to lan cia to; sta a noi adesso fare in modo che il sas so di venti ma ci gno e che le cose ven ga no fat te (nes su no vu o le o pre ten de l’immobilismo im pren di to ria le) ma con giu di zio ed in ac cor do con un con vi ve re ci vi le “a mi su ra d’uomo” su que sto stra no e mi cro sco pi co territorio.

Augusto Michelotti