Questa è poli ti ca? Ma non fa teci ri dere!

I mo men ti dif fi ci li, che il no stro Pa e se sta vi ven do, de li ne a no e con fer ma no una cri si strut tu ra le del si ste ma po li ti co sam ma ri ne se che ha or mai per so di vi sta le ra gio ni del "buon go ver no" al ser vi zio del Pa e se per un ge ne ri co, quan to inop por tu no, bal let to del le pol tro ne. Tut ti con tro tut ti e nes su no con nes su no! Sono que sti gli sce na ri che si van no pro spet tan do alla luce di una cri si che ha get ta to il Pa e se in un caos che di so rien ta i cit ta di ni e che ren de il no stro fu tu ro sem pre più in cer to. Nel mo men to in cui c’è un bi so gno re a le di sta bi li tà, uti le alla so luzio ne dei pro ble mi eco no mi ci ed isti tu zio na li che ci at ta na glia no, i no stri sem pre "be ne a ma ti po li ti ci", in ve ce di rim boc car si le ma ni che e di met ter si a la vo ra re sul se rio per ri da re con cre tez za e va lo re al pro get to San Ma ri no, han no pen sa to bene, alla luce del le fre quen ti quan to inop por tu ne cri si di go ver no, che si sono suc ce du te ne gli ul ti mi tre/quat tro anni, di met te re il Pa e se an co ra più in dif fi col tà con ti nuan do testar da men te a cer ca re al le an ze, stu dia re stra te gie, or ga niz za re in con tri se gre t i, fare ac cor di sot to ban co con l’uno e con l’altro per fre ga re que sto e quell’ al tro, fir ma re al le an ze che poi il gior no dopo ven go no re go lar men te scon fes sa te da nu o ve ma no vre se gre te, re ga lan do al Pa e se un’immagine del la clas se po li ti ca ipo cri ta e fal sa. Tut to que sto è in de gno di chi, elet to per svol ge re un ru o lo di rap pre sen tan za de gli in te res si di tut ti, pen sa solo a man te ne re viva la ge stio ne del po te re fi na liz za ta alla col ti va zio ne del pro prio or ti cel lo e dei pro pri in te ressi per so na li e di par ti to. Qu e sta, a casa mia, si chia ma "be a ta in co scien za". Nel frat tem po l’economia va a ro to li e i cit ta di ni co no sco no com pat ti il tra u ma ti co sen ti men to co mu ne dell’abbandono, es sen do sta ti la scia ti soli da una clas se po li ti ca che ha ben al tro a cui pen sa re, men tre il ter ri to rio, già gra ve men te fe ri to, da am ma la to gra ve sta di ven tan do am ma la to cro ni co, viag gian do se re no ver so una pro ba bi le e do lo ro sa mor te (e que sti sono solo al cu ni pun ti del cre scen te di sa gio del la po po la z io ne).

Cosa la sce re mo in ere di tà ai no stri fi gli? Pro ba bil men te un cu mu lo di ma ce rie, ma si sa, a di strug ge re sono tut ti ca pa ci, quel lo che non tut ti san no fare è ri co stru i re, ri sa na re con equi li brio e par si mo nia, con si de ran do per qual cu no an che la pos si bi li tà (per ché no?) di far si da par te per la pro pria di mo stra ta in ca pa ci tà di pren de re in mano le re di ni di un Pa e se in gi noc chio per aiu tar lo len ta men te a rial zar si e ad in cam mi nar si ver so una pos si bi le ri pre sa.

(Au gu sto Mi che lot ti)

Tratto da "Il Sottobosco"